Vorrei prendere un altro gatto ma non vorrei che il mio risentisse del nuovo inquilino. Come fare?

Buonasera a tutti! Questa sera nel nostro blog risponderemo a Chiara, una nostra follower che ci ha scritto all’indirizzo community@pets-us.eu.

Ciao amici di Pets&Us, vi seguo sempre! Vi scrivo perché ho un gatto di nome George. É molto affettuoso e giocherellone! Per miei problemi lavorativi a breve George rimarrà a casa molto più tempo da solo. Mi piacerebbe prendere un altro gatto che gli faccia compagnia durante il giorno così possono giocare insieme e lui non si sente troppo solo. Come devo fare? Non vorrei che George prendesse male l’arrivo del nuovo gatto anziché considerarlo un amico. Grazie per i preziosi consigli. Chiara.

Cara Chiara, in effetti non è molto semplice la faccenda. Prima di introdurre un altro gatto tra le mura domestiche bisogna pensare bene sul come e sul quando farlo per non creare un disagio a George che già vive con te.

Per evitare che George si indisponga è utile preparare l’ambiente e gli spazi dove già vive con l’utilizzo di feromoni naturali.

I feromoni possono aiutare a rilassare l’animale senza che subisca troppo stress. 

Bisogna infatti sapere che per un gatto abituato ad essere coccolato, viziato e seguito ogni giorno, non sarà di certo semplice accettare un nuovo arrivato.

Nel suo DNA il gatto è un predatore solitario che nel corso della sua evoluzione si è inserito nelle comunità solo se e quando erano di suo gradimento. A differenza del cane, il gatto non ha bisogno di aggregarsi o di vivere in branco. E’ stato capace negli anni di cacciare e trovare riparo da solo, unendosi poi ad un gruppo solo dopo averne scoperto i vantaggi. 

Il gatto è attento alle proprie esigenze ed infatti, solo dopo aver trovato ristoro, cibo e acqua, deciderà condurre una vita in comunità. Nonostante ciò non accetterà sempre con gioia un nuovo simile con cui dividere i propri spazi abitativi. Noi umani pensiamo che si senta solo, quando in realtà lui non sente questo bisogno. E’ necessario certamente valutare anche il carattere del gatto: ci sono animali più socievoli e pazienti, altri invece intolleranti ad altre compagnie. 

Il nuovo arrivo viene visto come colui o colei che mangerà, dormirà e giocherà nello stesso ambiente che fino a poco tempo fa era solo ad uso esclusivo del vostro gatto. Nel corso della convivenza si vedranno poi le reazioni tra i due felini, siano essi due maschi, due femmine, un cucciolo e un anziano oppure un maschio adulto con una gattina piccola.

Insomma Chiara il tuo George non sentirà l’esigenza di una compagnia ma se vuoi prendere un nuovo gatto presta attenzione e prendi questi semplici accorgimenti.
I feromoni sono la soluzione più semplice e se vuoi un ulteriore consiglio li puoi trovare da We&Pets, negozio specializzato per la cura degli animali, a Zanica. 

Se anche tu come Chiara hai bisogno di un consiglio o hai un problema con il tuo animale, scrivici a community@pets-us.eu !

Il cane al mare? Certo che sì, ma attenzione!

3 utili consigli su come gestire il proprio cane al mare o al lago dopo il bagno.

Cane che esce dal mare

Sempre più hotel e strutture in Italia sono pet-friendly e organizzati per ospitare i nostri amici a quattro zampe. Di conseguenza anche spiagge e lidi si sono attrezzati per permetterci di portare il nostro cane in vacanza e sotto l’ombrellone con noi.
E allora perché lasciarli a casa? Ormai potete tranquillamente fare la vostra vacanza con il cane. Spesso però ci chiedete se è necessario prendere delle precauzioni anche per i nostri amici a quattro zampe quando vengono in spiaggia insieme a noi. Generalmente i cani non sono abituati a passare la giornata in spiaggia, per questo è bene proteggerli.

Ecco allora 3 semplici accorgimenti per proteggere i nostri cani sotto l’ombrellone:

1•  Lo sapete che anche i cani, proprio come noi umani, hanno bisogno di una protezione solare?  Ebbene si, anche loro possono scottarsi. Per questo è utile e preventivo proteggerli con lozioni spray oppure in crema da applicare nelle zone senza pelo o comunque sensibili.  La zona attorno alle orecchie, al naso, i gomiti ed anche i polpastrelli sono zone molto delicate.

2•  L’idratazione è importante! Anche loro sudano e hanno bisogno di reidratarsi. Ricordatevi di far bere il vostro cane prima, durante e dopo l’esposizione al sole.

 

La felicità di un cane che gioca tra le onde

 

 

3•  I cani adorano scorrazzare nell’ acqua ma è molto importante, dopo il bagno, risciacquarli subito con acqua corrente perché la salsedine potrebbe irritare la loro cute.
Per completare la pulizia potete utilizzare uno shampoo ristrutturante opportunamente diluito oppure prodotti cosmetici che, oltre a pulire il pelo, rimuovono in profondità i residui del sale permettendo così all’epidermide di non disidratarsi eccessivamente. Talvolta il pelo, dopo una lunga esposizione all’ acqua salata, potrebbe risultare opaco e leggermente ruvido al tatto. Non spaventatevi, è l’effetto del sale!
In tal caso si possono utilizzare lozioni spray rinfrescanti e reidratanti della cute per far risplendere di nuovo il pelo del vostro cane. Da We&Pets, pet-care shop di Zanica, potrete trovare tutti i prodotti e farvi consigliare quello più adatto. (Facebook: We&Pets)

Insomma, potete portare con voi il vostro cane ovunque, al mare o al lago, senza problemi. Godetevi a pieno la vostra vacanza con lui ma abbiatene cura prima e dopo il bagno.

Ti è piaciuto l’articolo? Metti un Like e Seguici su Facebook sulla pagina Pets&Us

Buon divertimento!

Credits: photos by Tao Jones and Oscar Sutton